coco. l’ultimo sogno

 

ianniello_gb_chanel_34Bis

Scritto, interpretato e diretto da Teatrino Giullare
Scene e mascheramenti di Cicuska
Musica originale di Arturo Annecchino
eseguita in scena al pianoforte da Massimiliano Gagliardi
Una produzione Teatrino Giullare

 

Uno spettacolo delicato e divertente ispirato alle contradditorie biografie e alle dichiarazioni, straordinarie e commoventi, che Coco Chanel fece durante il suo esilio in Svizzera.

“Ognuno di noi ha una sua leggenda stupida o meravigliosa. La mia l’hanno creata Parigi e la provincia gli imbecilli e gli artisti….” così Coco Chanel introduce la delicata questione tra verità e mito, identità e leggenda, ripercorrendo con irresitibile umorismo alcune tappe della propria vita, vera o presunta.

10 gennaio 1971 , Hotel Ritz, Parigi, in un grande letto Coco, in compagnia del suo cane, un alano di nome Picasso, legge e commenta le proprie biografie per fare i conti con la propria leggenda. La leggenda di Coco si basa su due pilastri: uno che ha avuto un’infanzia terribile, l’altro che è stata un genio. La protagonista smonta e rimonta continuamente queste affermazioni sempre con lucida ironia e con la leggerezza di chi, anche nelle situazioni più dolorose e feroci, riesce a trovare una via d’uscita tramite l’immaginazione ed un paio di forbici.

Ispirato ad un frammento inedito di B.M. Koltès, lo spettacolo compone un ritratto tragicomico, originale e potente, il ritratto di una donna che fino all’ultimo non ha mai smesso di combattere, una personalità che è stata capace con la sua opera di rivoluzionare il concetto di femminilità e di imporsi come figura fondamentale e mito della cultura popolare del XX secolo, ma che ha anche preso parte a pagine oscure della storia , dal rapporto tirannico con le proprie operaie alle accuse di collaborazionismo con i nazisti.

 

 

Coi suoi fantocci inquietanti, coi suoi ambigui interscambi tra attori viventi e figure artificiali, con le sue spiazzanti invenzioni scenografiche Teatrino Giullare è uno dei gruppi più estrosi e visionari dell’odierno teatro italiano. Renato Palazzi, Myword.it

Una sorta di biografia teatrale […] Un flusso di immagini che riflettono il percorso di un’esistenza frenetica. Livia Grossi, Corriere della Sera (Milano)

Formidabile artigianato e sorprendenti invenzioni metafisiche […] uno spettacolo zeppo di ironia e ambiguità. Sara Chiappori, La Repubblica (Milano)

Dall’ongaro è perfetta quando indossa la maschera di una Coco avvizzita nel corpo e nei sentimenti. Simona Maria Frigerio, Persinsala

Umorismo e forza dialettica. Vincenzo Sardelli, Giornale Metropolitano

Anche stavolta Teatrino Giullare inventa uno spazio allegorico e poetico di grande suggestione. Teatro & Spettacolo

Coco Chanel “fotografata” al termine della sua formidabile e frenetica vita, in una notte in cui le sue ultime ore scorrono insieme ai ricordi sfiorati ora con cinismo, ora con tenerezza, in cerca di verità e silenzio. La Voce

Uno spettacolo di grande impatto visivo, molto sensibile e ironico. Elena Dalmasso, Teatro.org

Teatrino Giullare ha deciso di costruire lo spettacolo partendo dall’immagine, dalla forza del visivo e dello sguardo, la cura del dettaglio, la vibrazione dei silenzi così palpabili, dall’efficace intreccio di luci e ombre. F. Sacco, Aprileonline

Un’interprete straordinaria. C.Titomanlio, Pisanotizie.it

Una compagnia da seguire da vicino negli sviluppi della sua continua ricerca. Federica di Leonardo, Gaianews.it

Originale e sorprendente. Vega Partesotti , La Repubblica (Bologna)

Lo spettacolo è giocato tutto sul vedere e il non vedere, riprendendo uno spunto della vecchiaia di Chanel , che aveva dedicato la vita all’apparenza e che alla fine si riparava dietro occhiali scuri e velette. Massimo Marino, Corriere della Sera (Bologna)

Una messinscena di grande suggestione basata sul ruolo espressivo della luce, dell’ombra, degli oggetti che prendono vita. Il Resto del Carlino

 

 

 

Questa presentazione richiede JavaScript.